Vantaggi della dieta “homemade” nel cane con problemi gastrointestinali

Un case report conferma l’efficacia di questo tipo di approccio in un animale affetto da malassorbimento intestinale già sottoposto a gastropessi.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Da qualche tempo si sta registrando una sorta di ritorno ad abitudini dietetiche genericamente “più naturali”. Parallelamente, anche in ambito veterinario si nota una crescente attenzione dei proprietari per il tipo di alimentazione da riservare ai propri animali da compagnia e aumenta il numero di quanti ritengono che una dieta casalinga comporti una serie di benefici a lungo termine per il benessere del pet. Sottolineato che il coinvolgimento di un veterinario nutrizionista è fondamentale per garantire il corretto apporto quotidiano di nutrienti, le diete “homemade” possono anche rappresentare un’opzione terapeutica decisamente interessante per il trattamento dei disturbi gastrointestinali. Tra i vantaggi, la possibilità di impostare un approccio personalizzato, dato che i contenuti in nutrienti si possono facilmente modificare, in base alle specifiche esigenze individuali, per correggere alterazioni della motilità e dell’assorbimento. La conferma viene da un case report italiano, presentato durante ESVCN 2022, il congresso dell’European Society of Veterinary and Comparative Nutrition che si è tenuto a Basilea.

La perdita di peso dopo gastropessi

Al centro del lavoro, un cane da caccia di 12 anni, affetto da dilatazioni gastriche ricorrenti, già sottoposto all’intervento di gastropessi un anno prima e successivamente alimentato con cibo secco di produzione industriale, che aveva fatto registrare una perdita di 10 kg di peso in 12 mesi. 

Riguardo al quadro clinico iniziale, alla prima valutazione il cane pesava 12 kg, presentava un Body Condition Score (BCS) di 2/9 e dilatazioni gastriche ogni due mesi. In termini ematochimici si rilevavano l’aumento degli enzimi epatici alanina aminotransferasi (ALT) e fosfatasi alcalina (ALP), valori ridotti di eritrociti, ematocrito ed emoglobina, che assieme ai dati riguardanti albumine, TLI (Serum Trypsin-like Immunoreactivity) e folati confermavano la diagnosi di malassorbimento a carico dell’intestino tenue, riconducibile a proliferazione batterica o ad altre enteropatie.

Obiettivo, ripristinare un assorbimento corretto

Nell’intento di fronteggiare la perdita di peso e ripristinare un assorbimento intestinale adeguato, all’animale è stato prescritto un trattamento nutrizionale casalingo a basso contenuto di grassi con integrazione nutraceutica. Per bilanciare correttamente gli ingredienti è stato utilizzato Pet Diet Pro, software specialistico per la formulazione di diete casalinghe per cani. Nello specifico, la dieta utilizzata era a base di tacchino, couscous, carote, olio di girasole e di salmone, aggiunti uno per volta, per un totale complessivo pari al 42,30% di carboidrati, al 38,69% di proteine, al 9,10% di grassi, all’8,70% di vitamine, all’1,7% di ceneri. A completamento del regime dietetico, un integratore vitaminico-minerale per diete casalinghe (QDiet) e un supplemento con farina di carruba e frutto-oligosaccaridi, con Enterococcus faecium come probiotico.

Uno strumento in più nel setting veterinario

Dopo un anno di trattamento nutrizionale con la dieta e le supplementazioni descritte, il peso del cane è salito a 18,4 kg, raggiungendo un BCS ideale di 5/9. Le dilatazioni gastriche, inoltre, non si sono presentate negli ultimi sei mesi e in termini comportamentali l’animale è apparso decisamente più attivo e vitale. In più, anche gli esami ematochimici sono progressivamente rientrati in parametri normali. 

Come fanno notare gli autori, dunque, i risultati ottenuti nel case report confermano che questo tipo di approccio interpreta un ruolo fondamentale di fronte ai problemi digestivi del cane, consentendo di migliorare le condizioni di salute generale e la qualità di vita dell’animale. Questo genere di trattamento nutrizionale si può, insomma, considerare alla stregua di un ulteriore strumento terapeutico a disposizione nel setting veterinario.

Reference

Pignataro G, Magnanini E, Belà B, Magnanini J, Gramenzi A. Homemade nutrition for a case of digestive problems in a dog. Case report presentato al congresso dell’European Society of Veterinary and Comparative Nutrition che si è tenuto a Basilea.

Esplora i contenuti più recenti
18_08_2023_Principali cause della resistenza insulinica nei cani
Principali cause della resistenza insulinica nei cani
14_08_2023_Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
11_08_2023_Valutazione farmacocinetica della ciclosporina A ad alti dosaggi in gatti sani
Valutazione farmacocinetica della ciclosporina A ad alti dosaggi in gatti sani
Consulta altri contenuti su e
14_08_2023_Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
01_08_2023_Zinco, minerale essenziale per la salute dei cani
Zinco, minerale essenziale per la salute dei cani
18_07_2023_Ruolo della vitamina B12 nei gatti
Ruolo della vitamina B12 nei gatti
11_07_2023_Effetti della segale sul microbiota intestinale dei cani i risultati di uno studio svedese
Effetti della segale sul microbiota intestinale dei cani: i risultati di uno studio svedese
30_06_2023_Enteropatie croniche nei cani fondamentale la dieta dieta nelle prime fasi di vita
Enteropatie croniche nei cani: fondamentale la dieta dieta nelle prime fasi di vita
27_06_2023_L’importanza di differenti tipologie di fibre negli alimenti umidi per cani
L’importanza di differenti tipologie di fibre negli alimenti umidi per cani
23_06_2023_Effetti della restrizione calorica su microbiota intestinale e stato infiammatorio nei cani
Effetti della restrizione calorica su microbiota intestinale e stato infiammatorio nei cani
09_06_2023_Gestione nutrizionale e nutraceutica di pazienti felini con patologia renale cronica due casi clinici
Gestione nutrizionale e nutraceutica di pazienti felini con patologia renale cronica: due casi clinici