Il metaboloma del gatto con insufficienza renale e calcoli urinari di ossalato di calcio

Da un recente studio emerge che sia l’insufficienza renale sia la nefrolitiasi da ossalato di calcio si caratterizzano per profili specifici dei metaboliti.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Da uno studio condotto alla Kansas State University e pubblicato sulla rivista Metabolomics emerge che sia l’insufficienza renale sia la nefrolitiasi da ossalato di calcio si caratterizzano per profili specifici dei metaboliti. Si pongono così le basi per individuare ulteriori target di interventi nutrizionali che rendano più efficace l’attuale approccio.

Nel gatto domestico, l’urolitiasi da ossalato di calcio è correlata all’insufficienza renale. Si ritiene, infatti, che il blocco urinario determinato da questi calcoli possa favorire il calo della funzione renale a causa di una maggiore esposizione alle infezioni o ad altri danni associati. Sta di fatto che all’esame delle urine i gatti con calcoli da ossalato di calcio presentano aumento della dimetilarginina simmetrica (SDMA) e della creatinina, con riduzione del peso specifico delle urine. Il risultato è un’aspettativa di vita ridotta

Sono stati diversi gli studi che hanno approfondito le molteplici interferenze indotte dall’insufficienza renale a livello del metaboloma, ma i cambiamenti dei metaboliti legati alla presenza di calcoli da ossalato di calcio sono stati analizzati più di rado. L’obiettivo di uno studio condotto alla Kansas State University e pubblicato su Metabolomics – la Rivista ufficiale della Metabolomic Society – era appunto di analizzare le conseguenze sul metaboloma dell’insufficienza renale e dei calcoli da ossalato di calcio, nell’intento di individuare eventuali target a supporto del trattamento.

Obiettivo, far emergere le differenze nel metaboloma

Lo studio retrospettivo ha coinvolto 42 gatti a fine vita – 19 controlli con reni sani, 11 con insufficienza renale e 12 con nefrolitiasi da ossalato di calcio – che sono stati valutati annualmente al termine del loro ciclo vitale per la metabolomica plasmatica, la composizione corporea e i marker di disfunzione renale (la natura dei calcoli renali è stata stabilita in base all’esame autoptico).

Nel complesso lo studio ha consentito di identificare 791 metaboliti, dei quali 91 presentavano differenze significative tra i gruppi di gatti. Molte differenze erano riferibili alla perdita più rapida della funzione renale nei gatti con nefroinsufficienza, ma le concentrazioni di alcuni metaboliti apparivano differenti tra gli animali con insufficienza renale e quelli con calcoli di ossalato di calcio. Nei gatti con insufficienza risultavano più elevati i livelli per esempio di cistationina, dodecanedioato, 3-(3-amino-3-carbossipropil) uridina, o di 5-metil-2′-deossicitidina, mentre nei gatti con nefrolitiasi da ossalato di calcio erano aumentate le concentrazioni per esempio di fenilpiruvato, 4-idrossifenilpiruvato o di alfa-chetobutirrato.

Le basi di partenza per migliorare l’approccio attuale

Dallo studio dell’Università del Kansas, in buona sostanza, emerge che sia l’insufficienza renale sia la nefrolitiasi da ossalato di calcio si caratterizzano per profili specifici del metaboloma. E oggi sappiamo che nel gatto con insufficienza renale sono noti i benefici di una dieta a basso tenore di fosforo e proteine, che i casi di iniziale declino della funzione renale (SDMA > 14 μg/dl) possono giovarsi di un aumentato apporto di omega-3 e antiossidanti, mentre per contrastare la formazione dei calcoli di ossalato di calcio è utile aumentare l’intake di acqua e di cibi con moderate concentrazioni di magnesio, fosforo o calcio. Nella gestione dell’insufficienza renale sappiamo anche che è d’aiuto incrementare l’apporto dietetico di acidi grassi, valido anche contro il rischio di nefrolitiasi da ossalato di calcio

A fronte di tutto questo, come sottolineano gli autori dello studio, la comprensione degli effetti di queste due condizioni a livello del metaboloma può rappresentare la base per individuare ulteriori target di interventi nutrizionali che rendano più efficace l’attuale approccio sia all’insufficienza renale sia alla calcolosi da ossalato di calcio.

Reference

Jewell DE, Tavener SK, Hollar RL, Panickar KS. Metabolomic changes in cats with renal disease and calcium oxalate uroliths. Metabolomics. 2022;18(8):68. Published 2022 Aug 13. doi:10.1007/s11306-022-01925-4

Esplora i contenuti più recenti
18_08_2023_Principali cause della resistenza insulinica nei cani
Principali cause della resistenza insulinica nei cani
14_08_2023_Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
11_08_2023_Valutazione farmacocinetica della ciclosporina A ad alti dosaggi in gatti sani
Valutazione farmacocinetica della ciclosporina A ad alti dosaggi in gatti sani
Consulta altri contenuti su
23_06_2023_Effetti della restrizione calorica su microbiota intestinale e stato infiammatorio nei cani
Effetti della restrizione calorica su microbiota intestinale e stato infiammatorio nei cani
11_04_2023_Enteropatia antibiotico-responsiva nel cane valutazione clinica e analisi del microbiota
Enteropatia antibiotico-responsiva nel cane: valutazione clinica e analisi del microbiota
07_04_2023_Disbiosi del microbioma vescicale felino in corso di insufficienza renale
Disbiosi del microbioma vescicale felino in corso di insufficienza renale
31_03_2023_Immunità adattativa indotta dal betaglucano nei cani
Immunità adattativa indotta dal betaglucano nei cani
28_03_2023_Dieta ricca di fibre nel cane con diarrea acuta
Dieta ricca di fibre nel cane con diarrea acuta
24_03_2023_Integrazione con L-lisina in gatti affetti da herpesvirus
Integrazione con L-lisina in gatti affetti da herpesvirus
03_03_2023_Esofagite post anestesia nel cane e nel gatto
Esofagite post anestesia nel cane e nel gatto
28_02_2023_Biomarcatori sierologici e uterini per la rilevazione dell'endometrite nelle fattrici
Biomarcatori sierologici e uterini per la rilevazione dell'endometrite nelle fattrici