Effetti di mangime complementare con Boswellia serrata, Verbascum thapsus e Curcuma longa nei cavalli da salto ostacoli

Studio preliminare condotto in Italia dimostra un’azione dell’integrazione alimentare nel contenere le risposte infiammatorie indotte da LPS.

Pubblicato il
, diFederico Scorza

L’esercizio intenso può causare infiammazioni e stress ossidativo a causa della produzione di specie reattive dell’ossigeno. Questi processi fisiopatologici sono interdipendenti e ciascuno può indurre l’altro, creando un circolo vizioso. 

I cavalli da corsa e da competizione sperimentano elevati livelli di esercizio fisico che sono strettamente collegati alla comparsa di stress ossidativo indotto dall’esercizio. L’equilibrio sbilanciato tra ossidanti e antiossidanti, dovuto alla prevalenza dei primi, determina uno stress ossidativo che può avere un’influenza negativa sulla salute del cavallo.

Uno studio (approvato dal Ministero della Salute – Direzione Generale della Sanità Animale e dei Medicinali Veterinari), coordinato da Daniela Beghelli e da Lorenzo Zallocco, rispettivamente del Dipartimento di Medicina Veterinaria di Camerino e del Dipartimento di Ricerca Traslazionale e Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia di Pisa, ha valutato l’utilità e l’efficacia della somministrazione di un mangime complementare (Dolhorse® N.B.F. Lanes srl, Milano) per ridurre l’infiammazione e l’attivazione dell’immunità innata innescata dall’esercizio intenso nei cavalli sportivi.

Lo stato dell’arte della ricerca

I cavalli sportivi sperimentano infiammazioni perché l’esercizio suscita reazioni meccaniche e ormonali con conseguenti danni muscolari. Pertanto, l’infiammazione nasce come risposta fisiologica per consentire una rigenerazione muscolare più rapida dopo aver rimosso i detriti delle cellule muscolari danneggiate.

L’entità del processo infiammatorio varia proporzionalmente all’intensità e alla durata dell’esercizio. Poiché il processo infiammatorio dura più a lungo, il danno muscolare può propagarsi ulteriormente, provocando un aumento delle lesioni e un ritardo nel recupero.

Questa situazione, a sua volta, aggrava lo stress ossidativo e aumenta la produzione di ROS (radicali liberi dell’ossigeno) che svolgono ancora un ruolo importante nella progressione dei disturbi infiammatori.

Oggi, numerosi studi hanno evidenziato una relazione interdipendente tra infiammazione e stress ossidativo, mentre altri studi hanno dimostrato che lo stress ossidativo potrebbe anche svolgere un ruolo importante come bersaglio terapeutico e come indice prognostico in patologie gravi, come la colite, la sindrome del motoneurone equino, patologie ortopediche, endometriti e infestazioni parassitarie.

Il carico di esercizio e la dieta sono entrambi fattori che svolgono un ruolo nell’influenzare lo stress ossidativo e lo stato antiossidante dell’atleta equino e, quindi, gli effetti dell’integrazione esogena con diversi antiossidanti sono stati ampiamente studiati. 

Integrazione di antiossidanti esogeni come vitamina E, selenio, metilsulfonilmetano, acido alfa-lipoico, resveratrolo, coenzima Q10 e vitamina C sono stati testati come possibile strumento per ridurre gli effetti dello stress ossidativo indotto dall’esercizio fisico e aumentare lo stato antiossidante. Tuttavia, i risultati sono piuttosto controversi.

Per quanto riguarda l’uso degli estratti vegetali come additivi per mangimi con benefici per la salute, mancano sufficienti prove scientifiche del loro utilizzo nei cavalli.

Molti studi hanno descritto le proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antibatteriche, antitumorali e anti-aterosclerotiche della Curcuma longa che prende di mira la via di segnalazione Nrf2 per proteggere le cellule dal danno ossidativo. 

La combinazione di Curcuma longa e Boswellia serrata è stata utilizzata per il trattamento dell’artrite negli esseri umani e nei cani, anche se alcuni autori hanno messo in dubbio gli effetti positivi della curcumina sulla salute a causa della sua bassa biodisponibilità e dell’incapacità di dimostrare una relazione tra i prodotti di degradazione della curcumina e i metaboliti e i loro potenziali benefici per la salute.

La medicina e la farmacologia moderne sottolineano l’uso della gommoresina della Boswellia serrata come composto antiartritico, antinfiammatorio, antiiperlipidemico, analgesico ed epatoprotettivo. Negli atleti professionisti, su cui è stata testata, la Boswellia serrata, combinata con la curcumina, non è in grado di modulare l’infiammazione, ma solo lo stato glicole-ossidativo e la perossidazione lipidica.

Infine il Verbascum thapsus, conosciuto come verbasco comune, è ampiamente utilizzato nella medicina popolare come medicinale per il trattamento di malattie infiammatorie, come asma, allergie, artrite e artrosi. 

Queste piante sono fonti di numerosi composti chimici come polisaccaridi, iridoidi, saponine, flavonoidi, acidi fenolici e glicosidi feniletanoidi, e tra questi il più noto è il verbascoside o acteoside. Il Verbascum thapsus è stato utilizzato per contrastare l’emorragia polmonare indotta dall’esercizio fisico nei cavalli sportivi per le sue proprietà espettoranti ed emollienti, ma non esistono studi che ne dimostrino l’efficacia antinfiammatoria e antiossidante nei cavalli sportivi.

Lo studio italiano

Nonostante siano stati condotti diversi studi sugli effetti dell’integrazione antiossidante nei cavalli durante l’esercizio fisico, c’è ancora molta strada da fare per comprendere appieno i risultati ottenuti. Una migliore comprensione e conoscenza dell’utilizzo degli estratti vegetali negli equini sportivi potrebbe dissipare le preoccupazioni sul loro utilizzo, promuovendoli così come additivi nei mangimi per migliorare la salute e il benessere equino. 

Inoltre, Boswellia serrata, Verbascum thapsus e Curcuma longa non sono mai stati studiati insieme per valutarne gli eventuali effetti benefici sui parametri di stress infiammatorio e ossidativo dei cavalli sportivi.

Lo scopo di questo studio, che ha coinvolto un campione di 16 cavalli da salto ostacoli provenienti da un’unica scuderia in Toscana, è stato appunto quello di valutare l’attività antiossidante, antinfiammatoria e immunomodulante dell’integrazione per 10 giorni con un mangime complementare (Dolhorse®) contenente Boswellia serrata (Roxb ex Colebr), Verbascum thapsus e Curcuma longa.

Durante lo studio durato 10 giorni sono stati somministrati quotidianamente a 8 cavalli 70 ml di Dolhorse® e ad altri 8 cavalli placebo. I campioni di sangue da analizzare sono stati prelevati prima di iniziare la dieta e dopo 10 giorni e si è rilevato che l’integrazione alimentare era in grado sia di modulare l’espressione di alcune proteine sieriche sia di sottoregolare alcuni geni proinfiammatori nei PBMC (cellule mononucleari del sangue periferico) stimolati dai lipopolisaccaridi (LPS).

Nessun cambiamento statisticamente significativo di IL-1α, IL-6, IFNγ, IL-10, IKBKB e TLR4 è stato osservato tra i due gruppi di animali all’inizio della dieta mentre cambiamenti significativi sono stati rilevati al decimo giorno. Pertanto, i valori dei cavalli a cui è stato somministrato Dolhorse® hanno mostrato una significativa riduzione dei geni proinfiammatori IL-1, IL-6 e IKBKB.

Conclusioni

Nel complesso, i risultati dello studio dimostrano un’azione dell’integrazione alimentare nel contenere le risposte infiammatorie indotte da LPS (lipopolisaccaride) nei leucociti e nel modulare l’espressione di varie proteine del sangue coinvolte nell’infiammazione e nelle risposte immunitarie.

Pertanto, l’integrazione con il mangime complementare proposto può essere considerata un’utile fitoterapia per ridurre l’infiammazione e l’attivazione dell’immunità innata innescata dall’esercizio intenso nei cavalli sportivi. Lo studio ha inoltre contribuito a migliorare la nostra comprensione delle molecole e dei meccanismi molecolari implicati nell’attività di tale integrazione.

In ulteriori studi sarebbe interessante valutare, subito dopo l’attività fisica, se questo mangime complementare possa modificare le risposte antiossidanti e immunitarie qui indagate e se siano coinvolte vie metaboliche diverse in relazione alle tipologie di disciplina sportiva.

Anche le attività antinfiammatorie e immunomodulanti di ogni singola pianta devono essere studiate per comprenderne sia la potenza che gli effetti sinergici.

Inoltre, al momento, non è noto per quanto tempo persisteranno gli effetti di questa integrazione con mangime complementare o se si tratti solo di effetti temporanei.

Monitorare la durata di tali effetti nel tempo e/o determinare se l’aumento della durata di somministrazione possa fornire risultati superiori sarà sicuramente oggetto di ulteriori studi.

Reference

Reference: Beghelli D, Zallocco L, Angeloni C, Bistoni O, Ronci M, Cavallucci C, Mazzoni MR, Nuccitelli A, Catalano C, Hrelia S, et al. Dietary Supplementation with Boswellia serrata, Verbascum thapsus, and Curcuma longa in Show Jumping Horses: Effects on Serum Proteome, Antioxidant Status, and Anti-Inflammatory Gene Expression. Life. 2023; 13(3):750. https://doi.org/10.3390/life13030750

Esplora i contenuti più recenti
03_10_2023_Ruolo della nutrizione nella teriogenologia di cani e gatti
Ruolo della nutrizione nella teriogenologia di cani e gatti
29_09_2023_Tollerabilità del petfood arricchito con cannabidiolo nel cane sano
Tollerabilità del petfood arricchito con cannabidiolo nel cane sano
26_09_2023_Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
Consulta altri contenuti su e
06_10_2023_Effetti di mangime complementare con Boswellia serrata, Verbascum thapsus e Curcuma longa nei cavalli da salto ostacoli
Effetti di mangime complementare con Boswellia serrata, Verbascum thapsus e Curcuma longa nei cavalli da salto ostacoli
03_10_2023_Ruolo della nutrizione nella teriogenologia di cani e gatti
Ruolo della nutrizione nella teriogenologia di cani e gatti
29_09_2023_Tollerabilità del petfood arricchito con cannabidiolo nel cane sano
Tollerabilità del petfood arricchito con cannabidiolo nel cane sano
26_09_2023_Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
Ecco i fattori che condizionano l’appetibilità in cani e gatti
19_09_2023_Idrolizzato di crusca di riso come antiossidante
Idrolizzato di crusca di riso come antiossidante
15_09_2023_BARF o crocchette ecco come cambia il microbiota del cane
BARF o crocchette: ecco come cambia il microbiota del cane
05_09_2023_Nutrizione e metabolismo degli aminoacidi in cani e gatti domestici
Nutrizione e metabolismo degli aminoacidi in cani e gatti domestici
29_08_2023_Antiossidanti in presenza di l’enterite da parvovirus
Antiossidanti in presenza di l’enterite da parvovirus