Dieta arricchita di fibre nel gatto con insufficienza renale cronica

I risultati di un trial in cross-over attestano che l’aggiunta di fibre e prebiotici specifici può modificare l’assetto del metaboloma e potrebbe quindi rallentare la progressione della malattia.

Pubblicato il
, diSilvano Marini

Per la sua elevata morbilità, l’insufficienza renale cronica rappresenta per il gatto una minaccia non indifferente che – una volta diagnosticata la nefropatia – impone grande attenzione alla composizione della dieta nell’intento di rallentare il declino della funzione renale e la perdita di massa magra. Nell’evoluzione della malattia, un ruolo da non sottovalutare viene anche interpretato dall’asse intestino-rene: se l’eccesso di proteine che giunge fino al colon determina la proliferazione dei batteri proteolitici a scapito dei batteri saccarolitici, una parte delle tossine uremiche che tipicamente si accumulano negli stadi più avanzati dell’insufficienza renale ha infatti origine nel microbiota intestinale e qualsiasi intervento consenta di ristabilire l’equilibrio fisiologico della flora batterica a questo livello consente di ritardare la progressione del danno renale

In assoluto, nonostante il gatto domestico sia a tutti gli effetti da considerare un carnivoro obbligato, si ritiene che la fermentazione a livello dell’intestino caudale di fibre assunte con la dieta contribuisca alla salute dell’animale; è già stato dimostrato che l’appropriato arricchimento della dieta con l’aminoacido betaina (dalla barbabietola da zucchero) e prebiotici (che favoriscono la crescita dei batteri saccarolitici) consente di aumentare la massa magra nel gatto

Gli effetti delle fibre dietetiche in presenza di nefropatia, però, non sono mai stati adeguatamente approfonditi, così come non è mai stata studiata la tipologia delle fibre più efficaci da aggiungere alla dieta. Per questo, un team statunitense ha condotto uno studio clinico che ha valutato gli effetti sul metaboloma fecale dell’aggiunta alla dieta di betaina e betaglucani dell’avena più frutto-oligosaccaridi oppure polpa di mela.

L’impatto di fibre e prebiotici a livello del metaboloma

Pubblicato sulla rivista Metabolites, lo studio è stato impostato secondo uno schema in cross-over e ha coinvolto 10 animali sani e 10 con insufficienza renale (stadi IRIS 1, 2 e 3) che, dopo aver assunto per 14 giorni una dieta secca appropriata alla gestione della nefropatia, sono stati assegnati random ai due diversi regimi arricchiti con fibre, della durata di quattro settimane ognuno. Le concentrazioni dei metaboliti fecali sono state valutate all’inizio del trial e al termine di ognuno dei periodi di quattro settimane di dieta incrociata. 

All’inizio dello studio, l’impatto dell’insufficienza renale sul metaboloma non appariva particolarmente elevato (soltanto 33 metaboliti apparivano differenti tra i gatti sani e quelli nefropatici: 15 erano aumentati e 18 ridotti negli animali malati). Dopo la dieta con entrambe le fibre le concentrazioni dei metaboliti sono decisamente cambiate: molte tossine uremiche si sono ridotte nei gatti malati e alcune sono aumentate nei gatti che hanno assunto polpa di mela; i cambiamenti a livello degli acidi biliari secondari sono stati più numerosi nei gatti sani ed entrambi i gruppi hanno mostrato aumenti più significativi in alcuni acidi biliari secondari dopo l’assunzione di polpa di mela. 

Nel loro complesso, i cambiamenti riflettono un evidente rimodellamento del metaboloma in seguito alla presenza di fibre specifiche nella dieta, anche se gli aggiustamenti non sembrano necessariamente legati alla presenza di nefropatia.

Una scelta promettente che richiede ulteriori approfondimenti

Per quanto non abbiano pienamente rispettato le attese, i dettagli delle valutazioni dei metaboliti – puntualmente riportati nella pubblicazione – attestano che aggiungere fibre e prebiotici specifici alla dieta del gatto affetto da insufficienza renale può rappresentare una strategia efficace per rallentare la progressione della malattia ma, come tengono a sottolineare gli stessi autori, si tratta di un filone di studi che richiede ulteriori approfondimenti e sul quale resta ancora molto da imparare.

Reference

Reference: Hall JA, Jewell DE, Ephraim E. Changes in the Fecal Metabolome Are Associated with Feeding Fiber Not Health Status in Cats with Chronic Kidney Disease. Metabolites. 2020;10(7):281. Published 2020 Jul 9. doi:10.3390/metabo10070281

Esplora i contenuti più recenti
29_08_2023_Antiossidanti in presenza di l’enterite da parvovirus
Antiossidanti in presenza di l’enterite da parvovirus
25_08_2023_Peso corporeo e fertilità nei cani, una relazione pericolosa
Peso corporeo e fertilità nei cani, una relazione pericolosa
20230824_Sindrome da ulcera gastrica equina efficacia di un estratto di Griffonia Simplicifolia e Olea Europea
Sindrome da ulcera gastrica equina: studio valuta efficacia di un estratto di Griffonia Simplicifolia e Olea Europea
Consulta altri contenuti su
25_08_2023_Peso corporeo e fertilità nei cani, una relazione pericolosa
Peso corporeo e fertilità nei cani, una relazione pericolosa
22_08_2023_Strategie alimentari per alleviare lo stress nei cani e nei gatti da compagnia
Strategie alimentari per alleviare lo stress nei cani e nei gatti da compagnia
14_08_2023_Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
Dieta casalinga addizionata con olio di cocco per cani enteropatici
01_08_2023_Zinco, minerale essenziale per la salute dei cani
Zinco, minerale essenziale per la salute dei cani
18_07_2023_Ruolo della vitamina B12 nei gatti
Ruolo della vitamina B12 nei gatti
11_07_2023_Effetti della segale sul microbiota intestinale dei cani i risultati di uno studio svedese
Effetti della segale sul microbiota intestinale dei cani: i risultati di uno studio svedese
30_06_2023_Enteropatie croniche nei cani fondamentale la dieta dieta nelle prime fasi di vita
Enteropatie croniche nei cani: fondamentale la dieta dieta nelle prime fasi di vita
27_06_2023_L’importanza di differenti tipologie di fibre negli alimenti umidi per cani
L’importanza di differenti tipologie di fibre negli alimenti umidi per cani